Home | Come donare | Contattaci


Consulta l'ultima Newsletter

Dicembre 2013
Progetto salute

Uno dei principi che hanno ispirato, fin dall'inizio, l'attività di assistenza medica è stato quello di raggiungere gli ammalati nelle loro case e non solamente attenderli presso l'ospedale. In base a questo principio parallelamente all'ospedale, che rappresenta il centro delle operazioni mediche, si sono sviluppate attività itineranti che raggiungono gli ammalati nei loro villaggi.
La clinica mobile e il servizio di assistenza a domicilio vanno incontro a questa esigenza.
Questo modo di operare offre, inoltre, la possibilità di conoscere singolarmente chi è più bisognoso di altri e dà la capacità di distribuire gli aiuti capillarmente e in modo mirato.

L'ospedale
Svolge l'attività di day-hospital. È dotato di:

una sala per radiografie;
un ecografo;
un laboratorio di analisi;
un gabinetto dentistico;
una farmacia.

Un'ambulanza in grado di recarsi nei villaggi vicini per trasportare ammalati presso la nostra struttura o diretti ad altri ospedali, qualora la situazione richieda un ricovero o interventi chirurgici.
Un medico, un clinical officer, un tecnico di laboratorio e tre infermiere sono il personale a tempo pieno, ai quali si aggiungono: un medico dentista, un tecnico radiologo-ecografo che intervengono solo a giorni alterni.
Il day-hospital offre assistenza in un'area dove abitano 11.000 persone ed abilitato alla distribuzione di farmaci antiretrovirali per la cura dell'AIDS. Oggi sono 900 le persone sieropositive in cura e si pensa di raggiungere le 2000 unità entro il prossimo anno. Chi è sottoposto a trattamento con antiretrovirali va seguito con frequenti controlli e a questo scopo occorrono reagenti molto costosi.
La strategia di sviluppo dell'ospedale non prevede un suo potenziamento per accogliere degenti ma un suo sviluppo come "ambulatorio polifunzionale". Per fare ciò sono prioritari: un potenziamento del Laboratorio di analisi e un apparecchio per ecografie più efficiente.

La clinica mobile
Il servizio consiste nell'inviare in villaggi, privi di qualsivoglia struttura sanitaria, delle infermiere per fornire assistenza pre e post parto e prendersi cura dei bambini da 0 a 5 anni. Oltre che prendersi cura delle mamme e dei bambini le infermiere visitano ammalati, svolgono attività didattica per la cura dei bambini e di pianificazione famigliare. I villaggi assistiti sono 12 per un bacino di utenza di 50.000 persone e gli interventi in un anno sono circa 15.000.

L'assistenza a domicilio
Il personale medico, accompagnato da volontari che seguono corsi presso l'ospedale, si reca nei villaggi del comprensorio per visitare ammalati impossibilitati a muoversi. Compito degli attuali 45 volontari quello di assicurare che le medicine, lasciate dal medico, siano assunte correttamente nonchè provvedere ai bisogni degli infermi, fornendo alimenti, dove necessario. Il personale del servizio di assistenza a domicilio impegnato in attività formative per acquisire competenze e poter dare assistenza fisica e psicologica a HIV sieropositivi e agli ammalati di AIDS nonchè svolgere opera di prevenzione contro le principali malattie.La malaria , ancora oggi, responsabile del maggior numero di morti nella fascia di età sotto i cinque anni. E' in atto un progetto che prevede la dotazione di zanzariere e la disinfestazione nei villaggi serviti dal servizio di assistenza a domicilio.

I costi del progetto salute.
Il day-hospital    4.200 € al mese;
Progetto antiretrovirali    2.300 € al mese;
Clinica mobile    1.200 € al mese;
Assistenza a domicilio    600 € al mese.



 
PAMO onlus seguici su  right